per l’uomo odierno tutto è relativo

escher_csg026_encounter

“Un tipo siffatto passerebbe la sua vita togliendosi soddisfazioni a seconda del desiderio che prevale; talora nell’ebrezza o fra suoni di flauto, tal altra fra digiuni e brindisi d’acqua; talvolta passando il tempo in esercizi ginnici, tal altra nell’ozio più assoluto e qualche volta addirittura avendo l’aria di darsi alla filosofia.
Spesso poi si atteggerebbe a uomo politico, e allora lo vedresti saltare su nell’assemblea a dire e fare quel che gli passa per la mente; e quando gli venisse la voglia di emulare i militari, sarebbe tutto dalla loro parte, e lo stesso farebbe a riguardo degli uomini d’affari.

E così il suo modo di vivere non ha né un criterio né una legge, ma chiamando la sua bella vita, spensierata e dolce, la consuma tutta in tale maniera.
Il discorso veritativo, quello non l’accoglie né lo fa entrare nella sua fortezza; anzi, se qualcuno gli ricordasse che certi piaceri vengono da desideri buoni e leciti, e altri da desideri illeciti, e che i primi vanno coltivati e tenuti in pregio, mentre i secondi vanno repressi e tenuti a freno, egli a ognuna di queste considerazioni risponderebbe con un cenno di diniego, affermando che tutti i desideri sono uguali e degni di uguale considerazione”

Platone, “Repubblica”.

Annunci

14 Comments

  1. dopo Schopenaeur, anche con Platone, se ricordo bene, presi 3 a filosofia. Come avrai compreso, non sono una cima dal punto di vista intellettuale (ma anche nei restanti punti di vista c’è poco da sorridere), ma vorrei dare il mio sostegno al filosofo col quale concordo appieno.

    Mi piace

  2. Dissento educatamente, o almeno dissento per quello che ho capito.
    Ai tempi di Platone forse guardavano a un certo relativismo morale come a un esercizio di fantascienza speculativa in salsa distopica (“Ah!, il degrado della morale!”), ma alla luce di come si sono davvero sviluppati i costumi, per come il relativismo morale si è manifestato (forse Nietzsche ha qualcosa a che vedere con l’argomento), mitigato dall’empatia e da una visione d’insieme della società, direi che questo brano è invecchiato piuttosto male.
    Mettere in discussione i valori delle epoche precedenti e della propria società per eliminare il superfluo, trovare formule nuove e migliori, capire meglio gli altri e riconoscere che non esiste solo una norma: mi paiono tutti aspetti desiderabili.

    Mi piace

    1. Caro Andrea, hai preso il punto in pieno. Il pericolo che ho deciso di correre, consapevolmente, era proprio questo: adattare un testo abbastanza decontestualizzato dalla sua epoca, per descrivere qualcosa di odierno.
      Di fatti, la visione del buon uomo greco conteneva in se una sorta di Morale/Verità immutabile ed eterna, che va scoperta e seguita. Oggi, come giustamente dici, ci stiamo liberando dal vincolo di finalità e determinismo nella nostra vita, grazie ai grandi pensatori: Nietzsche, Schopenhauer e così via.
      Però, io personalmente, tendo a chiamare il concetto che hai descritto tu con “nichilismo attivo” (appunto Nietzsche) e invece denuncio, riportando questo brano, “relativismo”: la tendenza generale del lasciarsi portare qua e là dalle dottrine passeggere, sostenere equipollenza dei valori, che porta non tanto all’apertura, all’inclusione, alla tolleranza, bensì all’arrendevolezza, all’irrequietudine e al declino della crescita spirituale.

      Liked by 2 people

      1. Caro Nosce, grazie per la risposta, che inchioda esattamente anche quel genere di relativismo che non cerca di essere coerente e di ampliare il pensiero, o di costruire nuovi valori, ma solo di giustificare l’edonismo personale e l’opportunismo in maniera superficiale.
        Non so nemmeno più se certi soggetti se si possano più definire ‘relativisti’.

        Mi piace

  3. Hehehe, giusto: la grande malattia dell’uomo odierno, che, per fortuna, forse, è tutto (o quasi) fuorché il relativismo in senso stretto.
    Disattenzione, mancanza di memoria (o forse troppa memoria da dimenticare), ignoranza, pigrizia, incuria, che poi quasi sempre si possono ricondurre alla paura di un mondo che è diventato più grande e più incontrollabile. Questo sì, anche a causa del relativismo.

    Liked by 1 persona

    1. Anch’io percepisco la paura e la fragilità in tutto ciò, più che l’arroganza e la forza che si attribuisce questo “uomo moderno”.
      Alla fine, questo illudersi è indotto dalla visione del mondo moderno in cui non c’è spazio per la fragilità o la sensibilità.
      Sulla grande scena del mondo politico regna la Forza, sui social network epicureismo malsano e in tutte le sfere ci si inchina solo di fronte al dio Denaro.

      Liked by 1 persona

  4. Volevo dire la mia riguardo all’ultima tua risposta.
    La Forza dell’arroganza e dell’ignoranza. E l’ignoranza è basilare per alimentare la paura.
    Epicureismo…mi par definizione importante per una deficienza imperante, mancanza riempita – come si riempie un cotechino – dal dio denaro.
    Come al solito per me è un vero piacere leggerti perchè hai la capacità di esporre in modo molto chiaro un punto di vista con il quale sono proprio d’accordo.
    Vado fuori tema mi osservo che anno dopo anno si cerca di semplificare tutto e di rendere tutti sempre più dipendenti. Evviva la Bestia trionfante!

    Mi piace

    1. Grazie per il tuo commento. E io adoro leggere le tue partecipazioni.
      Certo che è un insulto all’epicureismo il mio paragone azzardato. Per compiere questa birichinata lo definito malsano appunto per sottolineare che si è fatta un’interpretazione travisatissima di una filosofia profonda e per molti versi vera. Un “Carpe Diem” professato ai quattro venti e tatuato su migliaia di corpi a difesa di un banale individualismo e della ricerca di piacere ed esperienze, senza interrogativi e scetticismi sulla propria vita.

      “Mancanza riempita”. Una perfetta definizione di molti mali moderni e antichi.

      Mi piace

      1. Sì, era chiaro e mi confermi ciò che pensavo. ” Mancanza riempita”. Ho scritto così perchè ogni tanto mi scappano dei termini. magari si potrebbe dire “carenza colmata”? mi piacerebbe essere così colta e munita di un linguaggio forbito come il tuo. Mi sarebbe piaciuto un termine più ironico, qualcosa in linea con la sintesi che hai fatto citando l’epicureismo. Non so se mi spiego, sono fisime, e raramente posso assaporare il lusso di coltivarle. Grazie. Buona giornata.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...