cogliere il mistero dell’essere per la via dei sensi ed esprimerlo con molta più vivezza di quel che lo possano la maggior parte dei pensatori

4a9e78bfe8550beb47a0b6a1edc0f1895e32bedc_xlarge

“Comincio a comprendere che cos’è l’arte.
Prima mi pareva che, in confronto col pensiero e con la scienza, non fosse da prendere troppo sul serio.
Pensavo press’a poco così: poiché l’uomo è una dubbia mescolanza di spirito e di materia, poiché lo spirito gli schiude la conoscenza dell’eterno, mentre la materia lo trascina in basso e lo incatena a ciò ch’è transitorio, egli dovrebbe cercare di staccarsi dai sensi e di entrare nel mondo spirituale, per elevare la sua vita e darle un significato.
Affermavo bensì di apprezzare altamente l’arte, per consuetudine, ma in realtà ero superbo e la guardavo dall’alto in basso.

Ora soltanto vedo quante vie ci sono per giungere alla conoscenza, e quella dello spirito non è l’unica e forse neppur la migliore. E la mia vita, certo: e rimarrò in essa. Ma ti vedo per la via opposta, la via dei sensi, cogliere il mistero dell’essere altrettanto profondamente, ed esprimerlo con molta più vivezza di quel che lo possano la maggior parte dei pensatori.”

Hesse Hermann, “Narciso e Boccadoro”.

Immagine: Vicent van Gogh, auto-retrato, 1888.

Annunci

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...