il senso di identità esige che esistano altri da cui si possa essere riconosciuti, e che il loro riconoscimento si congiunga col proprio autoriconoscimento

” dei pazienti: «Io sono stato come morto, per cosi dire. Mi ero tagliato via da tutti e mi ero chiuso in me stesso. Ora posso capire che cosi facendo si muore, perché per vivere bisogna stare nel mondo con gli altri. Se non si fa questo, qualcosa muore dentro di noi. Che strano! Non riesco a capire come accada, ma è proprio cosi. È molto strano» […]

«Tutti dovrebbero poter tornare indietro con la memoria ed essere certi di aver avuto una mamma che amava tutto di loro, anche la pipi, anche la cacca. Chiunque dovrebbe poter essere sicuro che la mamma gli voleva bene giusto perché era lui, e non per quello che avrebbe potuto fare. Altrimenti non ci si sente in diritto di esistere, si sente che non si sarebbe mai dovuti nascere.

Non importa cosa succede poi a questa persona, non importa se soffre, può sempre guardare indietro e sentire che può essere amato. Può amare se stesso: non può più rompersi. Ma se non può ritornare su queste cose, allora può rompersi.

Ci si può rompere soltanto se si è già a pezzi. Finché il mio io bambino non è stato amato, io ero a pezzi. Amandomi come si ama un bambino lei mi ha aggiustato.»”

Robert Laing, “L’io diviso”. 

immagine: “Relationship” di Zhuravska.pro.

Annunci

3 Comments

  1. “Ci sì può rompere soltanto se si è già a pezzi”. Grande verità! Ma mi chiedo chi sia veramente pienamente sano… anzi, vedo persone che hanno tutto, sono anche amate, ma continuano ad essere insoddisfatte. Credo sia necessario non solo ricordare che si è stati amati (o amati ancora), ma imparare a farsi amare anche, amando soprattutto.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...