chiunque voglia essere un uomo deve essere un anticonformista

august-landmesser-man-refused-salute-hitler-1936

“Udiamo le voci delle virtù in solitudine, che diventano fioche e inudibili non appena rientriamo nel mondo.

La società cospira dovunque contro la maturazione dei suoi membri. Essa non è altro che una società per azioni i cui soci acconsentono, al fine di assicurare il pane a ciascun azionista, che colui che lo mangia debba rinunciare a libertà e cultura.

La virtù più ricercata è il conformismo. La fiducia in se stessi ne è la piena antitesi. Il conformismo non ama la vera realtà né gli spiriti creativi, ma solo nomi e consuetudini. Chiunque voglia essere un uomo deve essere un anticonformista. Chiunque voglia cogliere le palme immortali non deve farsi intralciare dal nome della bontà, ma deve indagare se di bontà di tratta. Niente è sacro al di fuori dell’integrità della mente. Assolvi te stesso e avrai il consenso del mondo.”

Ralf Emerson, “La fiducia in se stessi”.

Annunci

irremovibilità ed estremismo giovanile

00d115a4f34b859a

“Nella pubertà si criticano norme sociali e si cercano nuovi ideali, ma si è in balia di un “entusiasmo militante”. Il bisogno istintivo di fissarsi su una finalità ideale è così incontenibile da rendere inessenziale la natura di tale finalità e il suo valore intrinseco. Motivo per cui è così necessario appartenere a un gruppo tra gli adolescenti.”

Lorenz