il poeta, che col ritmo danzante dei versi esalta la magnificenza e l’orrore della vita, e il musicista che li fa risuonare come pura presenza, sono coloro che portano la luce, che aumentano la gioia e la chiarità nel mondo, anche se prima ci conducono attraverso lagrime e tensioni dolorose

“Vorrei parlarti ancora della serenità, sia delle stelle sia dello spirito, sia di noi castalii. Tu provi un’avversione contro la … Altro

il carpe diem non è un consiglio da gaudente, bensì un invito alla conversione: una presa di coscienza della vanità dei desideri superflui e illimitati, dell’imminenza della morte, dell’unicità della vita e dell’istante

“Ebbene, la felicità deve essere trovata immediatamente, subito, nel presente. Anziché riflettere sull’insieme della propria vita, calcolando speranze e incertezze, … Altro

gli stolti non ricordano i beni passati, non sanno godere dei presenti, aspettano solo i futuri e poiché questi non possono essere sicuri, son logorati sempre da angoscia e timore

“L’epicureismo è anzitutto una terapeutica dell’angoscia. Gli uomini sono terrorizzati perché credono che gli dei si occupino di loro e … Altro

la filosofia è anzitutto una meditazione sulla morte e un’attenzione concentrata sul momento presente

“L’«esercizio» della ragione è «meditazione»: d’altronde etimologicamente i due termini sono sinonimi. Diversamente dalle meditazioni di tipo buddistico dell’Estremo oriente, … Altro